Assassini tra noi

bastard 660x440 Pictures, Images and Photos
Durante questi giorni trascorsi di prefestività spensierate, quasi non ho seguito le notizie nei media, finchè un’amica di Napoli, al telefono, non mi ha chiesto spiegazioni sul recente fatto di cronaca accaduto dalle mie parti, che ha visto un ragazzo di 18 anni, aiutato da due suoi coetanei amici, diventare assassino e giustiziere del suo rivale per amore, un giovane di ventisei anni (v. notizia)

Già appena ieri ho aperto il giornale e ho letto i nomi dei ragazzi, un flash mi è apparso in mente: negli anni precedenti svolgevo il ruolo di vicepreside e conoscevo personalmente quasi tutti i 1400 ragazzi della grande scuola. Ed infatti stamattina ho avuto conferma del fatto che l’assassino e i suoi amici erano studenti od ex studenti dello stesso istituto in cui insegno da tempo.

Arrivata al lavoro, c’era un grande fermento: il dirigente e i suoi nuovi collaboratori si sono occupati anche durante il "ponte" di prendere contatti con la famiglia dell’unico studente attualmente frequentante, che probabilmente fino al processo continuerà a seguire le lezioni. Netta e disturbante era la sensazione di aver ospitato un  Caino tra noi, nella grande scuola allegra e "caciarona", ma sempre serena e ordinata.

Anche con i ragazzi delle mie classi, coetanei e molti di questi amici e compaesani degli "assassini" si è commentato con sconcerto e quasi incredulità il fatto accaduto. Ragazzi di paese che vivono accanto ad opere d’arte meravigliose, giovani del XXI secolo che si comportano come i protagonisti di Cavalleria Rusticana, con un occhio attento, però, alle sceneggiature di film recenti, come "Bastardi senza gloria" di Quentin Tarantino, in cui è rappresentata quasi similmente la scena dell’omicidio, con la vittima fatta spogliare e colpita con una mazza da baseball e poi "finita" con un colpo di pistola alla nuca.

inglorious bastards Pictures, Images and Photos

Penso con dolore al povero ragazzo ucciso con crudeltà e per motivi futili e abietti, come recita l’articolo del codice penale sulle aggravanti, allo strazio della sua famiglia. Mi viene da pensare con amarezza  che tutto l’impegno di noi poveri ingenui docenti a favore della legalità, della cultura della pace e della solidarietà sia solo uno sforzo vano, che scivola sulla pelle di questi ragazzi. Ed è tutto il giorno che nella mente mi torna una immagine, tratta dall’ultima scena del film "Apocalypse now" di F. F. Coppola, a sua volta tratto dal libro "Cuore di tenebra" di Conrad: quella in cui Kurtz gridando esclama: "L’orrore. L’orrore!"

Si, è un orrore questo omicidio, che tocca la piccola comunità di cui faccio parte. Che vengano puniti i colpevoli, ed in maniera esemplare e giusta. Che durante la pena vengano poi seguiti e riabilitati, affinchè capiscano l’enormità del loro gesto, loro che adesso salutano le telecamere come fossero star o "tronisti" di un reality show. Ma le radici del male, lo capisco già, non si estirperanno solo allontanando chi lo ha commesso. Sono dentro di noi, nella nostra società, nelle aule di scuola in cui si insegnano solo nozioni, nei silenzi tra genitori e figli, negli abissi di incomunicabilità o di falso buonismo tra adulti e giovani, nel senso sbagliato dell’onore e di una concezione errata di ciò che è amore, ed invece è solo odio, intolleranza e tanto vuoto dentro.

(mi scuso per la crudezza delle immagini,  tratte dal film di Tarantino, Inglorious Bastards)


Annunci

7 thoughts on “Assassini tra noi

  1. Scusa, non riesco a capire una cosa,dici "fino al processo continuerà a seguire le lezioni", ma che vuol dire? che quel giovane scellerato assassino, è libero e può anche andare a scuola? Spero di avere capitomale davvero, sono senza parole, ho ascoltato la notizia e mi ha fatto schifo, penso che dovrebbero dare pene severe anche se sono giovani, sono già marci e guasti e vanno trattati come tali, altro che la comprensione perchè giovani o minorenni, sono in gradodi essere fortemente bastardi sti giovincelli di minorenniscusami, ma la penso così, mi fa molta più pena la famiglia e il ragazzo che è morto

    Mi piace

  2. Non ti preoccupare x la crudezza delle immagini angelo …ben piu’ crudo è il gesto compiuto … e sto pensando all’orrore …. termine esattissimo,con cui apprenderei la notizia che uno dei miei bambini a cui insegnavosia diventato un assassino … e per motivi non solo futili e abietti … ma derivanti da una mentalita ancora ferma al codice rocco …. credo mi sentirei almeno per un attimo inutile .e fallita … ma esiste un libero arbitrio …. e c’e’ sempre un attimo in cui puoi dire NO …se lo varchi ne paghi le conseguenze …. come è giusto che sia per tutti …. non so quanto sia giusto che il ragazzo frequenti ancora la scuola …. non so che dire …sono sconcertata e triste come sempre quando giovani vite vengono spezzate o buttate nella spazzatura ….Ti abbraccio stretta angelo …. e grazie per le tue parole … ogni volta che ti leggo cresce la voglia di abbracciarti di persona …. e so che succedrà …siamo anime salve …. ;-)dolce serata …elisa

    Mi piace

  3. "le radici del male…….. Sono dentro di noi, nella nostra società, nelle aule di scuola in cui si insegnano solo nozioni, nei silenzi tra genitori e figli, negli abissi di incomunicabilità o di falso buonismo tra adulti e giovani, nel senso sbagliato dell’onore e di una concezione errata di ciò che è amore, ed invece è solo odio, intolleranza e tanto vuoto dentro."Un’analisi precisa, la tua, che condivido parola per parola…..ma voglio continuare a sperare e a credere che "giovani così" rappresentino una minima parte della gioventù di oggi.

    Mi piace

  4. Ormai sono passati più di dieci anni, da quando i vandali praticamente ci distrussero la scuola, durante un folle sabato sera, anche se non lo raccontarono ai telegiornali.Duecento milioni di danni, delle lire di allora.Erano ragazzi che avevano appena terminato le medie, oltre a qualcun che ancora le frequentava.Le mie colleghe ne avevano avuto in classe qualcuno, e li ricordavano com’erano a quattro anni.Ricordavano anche le famiglie.La maggior parte non erano affatto cattivi, soltanto figli di genitori assai limitati, ed avevano finito per aggregarsi ad un pessimo branco.C’erano anche tre ragazzine, che all’epoca non aprivano mai bocca, e ricordo le colleghe che si domandavano come fossero finite in quel guaio.Ricordo la polizia scientifica, il rilevamento delle impronte digitali, e ricordo che dovetti andare in commissariato per effettuare il riconoscimento di un oggetto ritrovato a casa di uno dei ragazzi, ricordo che dovetti descriverlo senza vederlo, e quando poi il poliziotto me lo mostrò, ed era proprio quello, quasi mi sentii mancare, e appena fuori cominciarono a tremarmi le gambe, e non capivo perchè, ma me ne tornai a scuola sconvolta, e decisamente triste.Non ero affatto contenta che la mia testimonianza avesse inchiodato i colpevoli, ed il poliziotto se n’era accorto, e mi aveva detto che comunque c’erano anche altre prove.Io però mi ero sentita addosso una strana responsabilità, come se scoprire che i colpevoli fossero ragazzi che conoscevamo facesse risuonare nel mio animo un rintocco di campane da funerale.Non immagino proprio cosa si provi ad aver avuto tra i propri alunni un omicida.Forse si resta stupiti dal fatto che sembrava un ragazzo come tutti gli altri, o peggio ancora, ERA un ragazzo come tanti altri…Il vuoto dentro, non è facile dirgli con cosa colmarlo.(talvolta me ne resto lì, a fissarlo pure io)Talvolta penso che sembriamo persone civili, ma… cosa succederebbe se passasse di qui una guerra, e ci gettasse in balia della legge della giungla?Mi domando se non ci sarebbe chi approfittando della confusione si togliesse la maschera, e realizzerebbe la sua vera essenza vestendo i panni del carnefice.Sto pensando agli orrori della guerra nell’ex Jugoslavia, ad esempio.No, meglio sdrammatizzare.Chi scrive delitti li esorcizza, per esempio……ed io, come cecchina, per quanto ti riguarda, non ti riesco proprio a beccare!!!Un sorriso e un saluto, e buon fine settimana a teMonica:-))

    Mi piace

  5. Perchè il mondo va a rotoli: assenza quasi assoluta di morale e di valori. Questo ti fa rendere conto di quali sono i modelli da seguire x molti ragazzi…angosciante

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...