Monsieur Ibrahima e i Fiori del Senegal


Senegal
(St. Louis, Senegal)

Pensavo giorni fa con insistenza al mio amico Ibrahima, il mediatore senegalese che abita ad Aprilia e che per tanti anni mi ha affiancato nelle iniziative e nei progetti, sia a scuola che all’università e nei contesti di no profit in cui entrambi operiamo. Dicevo, pensavo a lui con insistenza, quando mi è arrivato un suo sms di saluto, e l’invito a partecipare ad un congresso a Roma, sull’inaugurazione della prima Banca Etica della Diaspora Africana, di cui lui è segretario (cliccare qui )

Ibrahima è una persona speciale, è colto ed elegante come molti senegalesi, dato che provengono da un paese in cui la cultura e il bene comune sono tra i valori principali. La sua terra fu riunita e resa libera da Leopold Senghor, che non era solo Presidente della Repubblica, quindi politico, ma anche uno stimato poeta. Attraverso Ibrahima ho conosciuto una nazione dai colori caldi e vibranti, lontana dagli stereotipi che vogliono l’Africa tutta uguale. Anni fa riuscii a elaborare un piccolo sito web per documentare una delle tante esperienze di “viaggio” virtuale in Africa, ed adottammo a distanza il suo paese natale, vicino Dakar, raccogliendo 1000 euro da destinare alla costruzione di una sala parto, consegnati  di persona all’Ambasciatore del Senegal. Dovevamo partire anche noi, per il viaggio reale,  ma ancora stiamo attendendo il finanziamento da parte dei vari Enti Locali che ci promisero di farci da sponsor.

 

Senegal
(St. Louis,  fiume Senegal)


Se volete vedere il minisito “Les Fleurs du Senegal”,  dedicato al villaggio di Guede, cliccate QUI
Se avete ancora pazienza di leggere, vi posto la poesia che Monsieur Ibrahima de le fleurs du Senegal, come lo chiamo io scherzosamente, mi regalò qualche mese fa, venendomi a trovare a scuola. Me la diede alla fine del nostro colloquio, chiusa in una busta. “E’ per la nostra amicizia” disse accomiatandosi. Non so se l’abbia scritta lui  o  se sia di Senghor, ma è bellissima, e voglio condividerla con voi. E’  intitolata

ELEMENTI:

Un bimbo mi prese per mano
Conducendomi alla sua capanna
e una donna mi chiese:
Hai una medicina per gli occhi della mia bambina?
Ero in Africa
e non riconobbi la Speranza?
l’avevo dimenticata?

Una giovane donna camminò
Al mio fianco, sorridendomi.
Adagiò tra le mie braccia la sua piccola bimba.
Ero in Africa
e non riconobbi la Fiducia?
l’avevo dimenticata?

Un uomo col suo passo calmo
In una stretta e polverosa
Strada sterrata del villaggio mi disse:
Hai portato festa nel villaggio?
Ero in Africa
e non riconobbi la Serenità?
l’avevo dimenticata?

Un vecchio con la sua sontuosa tunica batik
Trasportava sottobraccio
Contorte lamine per la sua umile capanna
Ero in Africa
e non riconobbi la Dignità?
l’avevo dimenticata?

Un asinello e una capretta gravida
E un gallo dal variopinto piumaggio
Attraversavano un ponticello
Attendendosi l’un l’altro.
Ero in Africa
e non riconobbi la Gentilezza?
l’avevo dimenticata?

Al tramonto seguì un alba
e poi un altro tramonto e poi ancora ..
il fiume,seguendo il vento,
si ritirava e poi tornava
e poi andava e poi ancora..
Ero in Africa
e non riconobbi la Vita?
l’avevo dimenticata?

UN BACIO A TUTTI DALL’ANGELO
Photobucket

(studenti, Harielle, Ambasciatore del Senegal, la mia collega riccioluta e Monsieur Ibrahima con la camicia bianca)

NOVITA’ ASSOLUTA: ABBIAMO SCOPERTO L’AUTRICE DELLA BELLISSIMA POESIA:
E’ LAJLA CASTROVINCI 
CONGRATULAZIONI ALLA POETESSA PER AVER CONDENSATO IN POCHE PAROLE LA BELLEZZA DELL’AFRICA
SPERO CHE LAJLA DIVENTERA’ UNA AMICA SPECIALE DI QUESTO BLOG 🙂
Annunci

31 thoughts on “Monsieur Ibrahima e i Fiori del Senegal

  1. come canterebbe Pino Daniele …viva viva ‘o Senegal …. ;-)ora vado a visitare il sito ..bellissima la poesia …tanti ragazzi africani abitano nel mio quartiere …fra lo sdegno di quelle che a bologna si definisconodamazze ….tipo qll che in ascensore tempo fami disse dopo che una ragazza maghrebina e il suo bimboerano arrivati al loro piano ….ma dove andremo a finire? … risposi..spero verso un mondo dove gli united colors non siano solo quelli della benetton buongiorno signora ….la sua faccia …. un capolavoro … rido ancora a pensarci …..bacio angelo ….elisa

    Mi piace

  2. Visto ….bello davvero angelo rosso .. ;-)soprattutto l’accenno all’evitare quella solidarieta buonistache serve a ben poco se non a ripulire per un attimo la coscienza ….spero che gli enti locali si ricordino presto del finanziamento promesso ….

    Mi piace

  3. ……..esotica?….dici che sono così?io mi reputo più strampalata che esotica ;)ma non è male pensarlo…..grazie angelo…..sai essere tale sempre…..e…..splendida poesia e splendido popolo….come tutti i sempliciun abbraccione……dalla legione straniera 😉

    Mi piace

  4. Ciao, ho letto la poesia, la trovo splendida, complimenti per l’attivitàe i progetti, vi fanno davvero onore.Ho visto il sito, è davvero interessante.Ti auguro una buona serata, con amicizia, Vito

    Mi piace

  5. Harielle…sei davvero splendida!Ho visitato il sito che hai segnalato…Questa iniziativa è degna di lode mia cara amica."Ero in Africae non riconobbi la Vita?l’avevo dimenticata?"….Mai dimenticare la vita e la speranza!Un bacio tesoro!Marty

    Mi piace

  6. Ma che stupendo sito questo del tuo amico! Davvero bello e con un proposito stupendo da segnalare anche ad altri amici!Le parole di questa poesia poi sembrano donare visione di un paese a me sconosciuto ancora come se mi fosse conosciutissimo… e lasciano anche in me la voglia di non dimenticarlo… e di scoprirlo presto!Bellissimo post cara Harielle… degno del tuo grande cuore!Un bacio caraCarmen

    Mi piace

  7. Harielle carissima,a dire la verità mi hai piacevolmente stupìta, xkè non me l’aspettavo proprio ke Tu fossi così impegnata x l’Africa e ti faccio i miei + sinceri complimenti, x la tua forza e la tua serietà in questo bell’impegno !Trovo ke sia davvero bello ed importantissimo ke ci si occupi di 1 Paese e di 1 popolo com’è quello senegalese, magari relativamente + colto rispetto ad altri africani, ma nello stesso tempo, altrettanto povero e disagiato, quindi bisognoso di aiuti e faccio sia a te, ke a Loro, i miei auguri !!!Molto profonda anke la poesia, ke mi è piaciuta moltissimo !Tu ki 6 nella foto, quella a sinistra col cappello in mano o quella dietro ?!Ti auguro di trascorrere 1 buon week-end e a prestoFiore S.R.

    Mi piace

  8. Mia cara Harielleun gesto ed un impegnodegno di nota!Porto avanti iniziative per far conoscere la cultura africana…Come i poeti africani Anti-ApartheidTraore, Diawara, Diarassouba,Nfa Diallo,Kanoute, Fofana, Niakate,Kashikola…Ce ne sarebbero tanti altri…Ciò che esprimono nasce dal lorocuore, composte quando ancora il sud Africa viveva in regime di piena segregazione razziale…Ciò che ho letto qui da te oggi èuna perla rara per incedere dentro la lotta dentro barriere invisibili,ed inviolabili, tensioni mai sopite…Un viaggio dentro i valori e la dignitàper uno scambio culturale che difendaquella integrità che appartiene ad ogniuomo sulla terra…Grazie mia cara del tuo preziosissimo progetto ne sono davvero fiera!Ti lascio il mio caro abbraccio di luce…♥Ẽℓĕหα♥

    Mi piace

  9. Ricambio il bacio. Ho letto con interesse……e ho pensato subito a quanto sono fortunati i tuoi alunni ad avere accanto un’insegnante come te!!!!!!!

    Mi piace

  10. Ma tesoro, Io ne vedo ben 3 di camicette nere senza manike… !!!E comunque, se è vero ke gli ultimi, saranno i primi… x Noi non c’è speranza, ma x Loro forse sì !!!

    Mi piace

  11. Ciao Hary!!!!lo so che è un sacco che non ti scrivo, comunque poco fa ho recuperato tutto ciò che mi ero persa! ^_^volevo fare gli auguri a tua figlia, anche se in ritardo! e poi volevo chiederti di Travaglio… ma davvero l’hai conosciuto?????? O_O ma davvero davvero?? e dimmi, com’è? cosa vi siete detti??? mamma mia, quanto ti invidio!!!un bacio al miele, Alessandra

    Mi piace

  12. Ciao,Harielle,questa tua iniziativa è veramente degna di un angelo,in particolare lo stimolo positivo che trasmetti ai tuoi giovani allievi.Ti ringrazio anche per avercene fatti partecipi alla vigilia della Settimana Santa ed in prossimità della Pasqua,periodo in cui ancora più profonda dovrebbe essere l’attenzione verso gli ultimi,i poveri,i sofferenti,i malati,ma questo mondo terreno spesso ci distrae dalle cose importanti.Buona Settimana Santa e un abbraccio a te,ai tuoi allievi e a chi quotidianamente incontri.Antoniops: contraccambio il bacio.

    Mi piace

  13. Non avevo visto questo post…..meno male che oggi, avendo un pomeriggio libero, sono andata in cerca di quello che avevo perso……Che splendida iniziativa, che ricchezza per i tuoi studenti………Ho messo tra i preferiti il minisito per guardarlo con calma.Stupenda la poesia!!!!

    Mi piace

  14. ciao harielle conosco tanti senegalesi quì a genova ed hai ragione nel dire che sono bravissime persone con loro ho un ottimo rapporto di amicizia e di rispetto bellissima la poesia e la foto ciao buona serata

    Mi piace

  15. ciao Harielle , grazie di questa immagine che porti dell’africa, di questa conoscenza .La poesia è molto bella e io ho i miei pregiudizi che iniziano a sciogliersi….ho sempre pensato all’africa come a un paese molto violento,non ti nascondo che Africa e Asia sono la metà della terra nella quale non andrei mai …..eppure…………………………………………..si sei un angelo,grazie di esserci 🙂 🙂 :)ps:io non ho dubbi su chi tu sia tra quelle heehehehehehheeh

    Mi piace

  16. Che bella poesia.Mi ha fatto quasi piangere, anche se non ho capito se il poeta non conosceva tutte queste cose perchè ERA in Africa, o perchè era stato LONTANO dall’Africa.Io, personalmente, sono per la seconda ipotesi, visto che rimango convinta che gli Africani che verranno qui hanno molto da darci, nonostante siano poveri.Ma sono convinta che tu lo sappia meglio di me.Non ridere… il segretario cittadino del partito per cui ho lavorato vorrebbe andarsene in Nigeria, con un immigrato che è stato a lungo con noi, e che ora vuole tornare al suo paese.E gli ha detto: vieni con me.Se non ci sentiamo nel frattempo. auguri…Un sorriso e un salutoMonica:-))

    Mi piace

  17. Ciao Rosy. Grazie x la visita. Anch’io ho poco tempo x stare in internet. Bella la poesia, anch’io penso cm Monica ke la sua dimenticanza si riferisca al fatto ke è mancato dall’Africa e ha dimenticato la semplicità della vita in quel paese. Ma davvero hai conosciuto Travaglio? Ke incontro interessante! Felice Settimana Santa e Buona Pasqua. LUNA

    Mi piace

  18. Buongiorno cara Harielle, per cominciare ti ringrazio di cuore per tutti messaggi che hai lasciato nel mio mondo, ti sono molto grata per questo. Ho letto adesso con attenzione il tuo Blog, e qui mi rendo conto quanta necessità ha bisogno l’uomo di avere l’amore nel cuore. Noi europei pensiamo avvolte, che siamo noi il popolo più intelligente del mondo. Ma la realtà e diverso, noi possiamo tanto imparare dalle varie culture da questa terra, perche nella cosi detta primitiva civiltà, c’è il tesoro della saggezza che purtroppo l’uomo cosi detto civilizzato NOI, l’abbiamo perso durante il cammino della nostra gloria. Se NOI l’occidente comprenderebbe la parola fratellanza, potremo veramente diventare una famiglia mondiale dove ognuno potrei imparare dal altro.. Perche la nostra TERRA è il nostro NIDO.. con sincera amicizia la tua amica Pif ☀Rebecca

    Mi piace

  19. Molto, molto bella la poesia. Posso conservarla? mi ha commossa anche perchè desidero da molto tempo visitare l’Africa, l’Africa centrale e meridionale , l’Africa affascinante delle savane, delle grandi foreste e dei baobab, l’Africa del cielo azzurrissimo e della coperta di stelle, l’Africa dell’ubuntu", della gente semplice, colorata, festosa, civile, bella.Quanta ricchezza c’è nell’accogliere e nel voler conoscere l’altro: enorme ricchezza!Un abbraccioMaria Rosaria

    Mi piace

  20. Che bella questa poesia Harielle, mi ha commossa, c’è dentro tutto il calore e umanità dei grandi, la semplice e importante dignità del popolo africano, cosa di cui dovremmo prendere esempio, l’ho copiata anche io e la stamperò, la terrò davanti alla mia postazione pc assieme alle altre.Che piacere conoscerti cara, e anche tuttigli altri, compreso monsieur Ibrahim, siete proprio belli tutticiao cara buona notte

    Mi piace

  21. sai, leggendo i commenti sotto, penso che abbia ragione Monica, mi chiedevo anche io se il fatto che non riconoscesse la sua Africa dipendesse dal fatto che si era come "contaminato " standone lontano, specialmente se è stato nel nostro paese , sono cattiva lo so, ma penso anche io che sia per questo.

    Mi piace

  22. …ancora presto per le surfinie ….ma il tempo si avvicina ….sorrido ….un abbraccio stretto …. serena pasqua angelo ….elisa

    Mi piace

  23. Carissimi tutti e carissima admin del blog ti comunico che i versi sono stati stilati dalla sottoscritta al mio rientro dalla Gambia nel 2008.purtroppo in rete questa mia(che inserìì in vari siti) è stata copiata e trasmessa come anonima e senza titolo, il titolo che diedi è ELEMENTI., e ciò che ho stilato è esperienza di vita vissuta nella Gambia, tutta verità e realtà.Tranquilla non sono arrabbiata purtroppo accade che ci siano persone che non rispettano le emozioni degli autori e non stimano l’essenza dei versi e copiano…scopiazzano, adattano e così via…
    Un saluto a tutti
    Lajla Costanza Castrovinci

    Mi piace

    1. Cara Lajla, benvenuta nel blog! E’ bellissimo trovare l’autrice di questa poesia, che Ibrahima mi ha dato senza pensare al plagio sicuramente…spero che diventerai una mia amica di blog…
      Non credo che tu possa riferirti a me quando parli di persone che scopiazzano, adattano, ecc….questo blog è al di sopra di ogni sospetto. E qui si celebrano i colori del mondo, e nessuno è straniero.
      Benarrivata, amica poetessa, un abbraccio da
      Harielle

      Mi piace

      1. Salve Harielle, sei molto gentile.
        Tranquilla non mi riferivo a Te, ne ho letto di ogni in internet, cmq Ibrahima probabilmente non ha voluto far plagio ma donarti un qualcosa che gli aveva fatto vibrare le sue corde e quindi, come è solito degli africani, donare la loro condivisione.Una carezza ad Ibrahima.

        Mi piace

  24. Ciao Harielle ti ricordi di me? Ogni tanto entro nel tuo blog e leggo un bel po, Ti comunico che io torno in Africa per 1 mese e pensa un po? Ho il compito di insegnare italiano! Help me please! Mi dai un suggerimento su un metodo? Io penso che dato che avrò adulti istruiti credo sia meglio iniziare con i saluti e le domande tipo come stai come ti chiami e relative risposte per poi estrapolare dalla frase vocali e consonanti in modo che associno i grafemi ai fonemi e poi pian piano vocaboli, promoni articoli e i verbi, che ne pensi? scrivimi in mail please: lajla @email.it
    Io partiro il 27 febbraio
    Ciaooooooooooooooo
    ps: al mio rientro scriverò sicuramente altre poetiche …il tempo che l’essenza dell’africa mi ispiri dal profondo su nuove ed infinite altre sensazioni ed esperienze..

    Mi piace

  25. ciaooooooooo un saluto da Thies (senegal) le lezioni di lungua italiana procedono bene,insomma tutto splendido e splendente qui..sono stata anche a .saint louis ma…..non ho visto la moschea della foto che c’è qui,cmq al mio rientro in italia cercherò di scrivere un po del tutto di questi giorni.Adesso vado oggi si mangia yassa! yeeeeeeeeeeeeeeee

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...