La curandera

Un libro molto bello che ho letto qualche tempo fa era intitolato “La profezia della Curandera”. Non avrei mai pensato che questa profezia potesse un giorno adattarsi a me 😆

La  trama era piuttosto semplice e new age, ma non per questo meno interessante. Kantu è giovane, bella e piena di entusiasmo. Vive a Cuzco, in Perù, ma non conosce nulla delle antiche tradizioni andine. Un giorno, un evento inatteso sconvolge il suo universo, costringendola a confrontarsi con una realtà a lei incomprensibile. Disposta a tutto pur di conquistare l’uomo che ama, Kantu intraprende con l’aiuto della Curandera, una donna che conosce le regole per convogliare a fin di bene le energie dell’universo,  un cammino difficile, ma affascinante, che la porterà a riscoprire la straordinaria energia che è in lei. La sua storia, una storia vera,  apre il cuore e fa pensare al potenziale curativo che possediamo dentro di noi, del quale spesso siamo inconsapevoli.

Ma, ripeto, non avrei pensato che un giorno sarei stata come Kantu, a faccia a faccia con la curandera. Eppure è andata così.

Lo scorso anno ero preda di malesseri di tutti i tipi. Niente di grave, per fortuna, ma non andava bene. Mi trascinavo a fatica nel mio lavoro, a casa mi sentivo fiacca e svuotata e addirittura ho avuto due crisi di attacco di panico, del tutto inaspettate, una di queste mentre ero in automobile e …guidavo!. Fatta la trafila delle analisi di routine più vari controlli, la risposta sembrava negativa. Ma non andava. Stomaco in fiamme, energia al ribasso, paura immotivata.

A settembre mi confido con una collega e lei mi consiglia una dottoressa che, a suo giudizio, ha risolto vari casi. Al primo appuntamento incontro T., biondissima, matura, abbondante e soprattutto accogliente, come una grande madre degli abbracci. Inizio a parlare e mi sorprende perchè mi dice cose che ancora non avevo detto di me, mi cita dei sintomi che avvertivo, mi previene nelle domande che avrei voluto porle, e sembra leggere dentro di me come in un libro. Sono stupita, ma ancora diffidente, però accetto di fare la dieta particolare che mi propone, evitando lieviti e latticini e prendendo delle erbe che mi consiglia.

Son passati sei mesi e sto lentamente migliorando, ma l’energia della curandera mi aiuta a far affluire dentro di me l’energia bloccata. Le erbe che prendo quotidianamente sono complessi semplici ma efficaci: echinacea e rosa canina per rinforzare il sistema immunitario, melissa per riposare meglio la notte, salvia e anice per la digestione. T. chiede ai suoi pazienti di impostare una riflessione sulle loro abitudini alimentari, sullo stile i vita, sul perchè abbiamo un organo bersaglio che diventa il “puntaspilli” del nostro stress, e così via…

Il risultato? Sto molto meglio, l’energia è in aumento, e mi sento più in armonia con me stessa e la natura. La curandera mi ha aiutato a ristabilire il mio corpo, ed il mio spirito ne sta traendo gran giovamento.

Ah: io la chiamo la curandera, per assonanza con il tema del libro che vi ho citato, ma  T. è un medico  laureato, specializzato in medicina tradizionale cinese ed olistica…cura il corpo non per il sintomo, ma per il disagio che la persona esprime ammalanosi proprio in un certo organo. ..ed è davvero vicina ai pazienti come una grande madre. Forse, per guarire davvero bene, bisogna amarsi, si, ma  anche sentirsi amati?

Annunci

18 thoughts on “La curandera

  1. condivido ..ho attraversato tanti periodi da te descritti ed ho sempre reagito curando l’alimentazione la mente ed assumendo dalla natura quanto necessario…mi conosco ormai cosi’ bene che il mio povero corpo maltrattato (da me..)mi dice chiaramente il suo bisogno…ho un amico osteotapa che integra la cura con massaggi e consigli…l’importante e’l’equilibrio generale di noi stessi cosi’difficile da trovare cosi’difficile da mantenere…ti mando un caloroso abbraccio cara!

    Mi piace

  2. il libro dev’essere molto interessante….. anche io, lì dove posso, preferisco rivolgermi all’erborista, ma vi sono alcune patologie che richiedono la classica cura farmacologica. Ritengo che un buon abbinamento fra le due branche sarebbe l’ideale, sperando che lo stato, come per i prodotti della medicina classica, permetta di portare in detrazione anche le spese sostenute per la medicina erboristica.
    Ti auguro un buon fine settimana, con amicizia, Vito

    Mi piace

  3. confesso che non sono molto esperta in questo settore, a volte anche diffidente per paura di incontrare “curandere fai da te”, ma mi piacerebbe approfondire perchè qualcosa mi dice che Madre Natura è la chiave di tutto.
    Ho trovato un buon beneficio nello yoga; da un pò sono stata costretta a smettere, ma mi manca quel senso di benessere che mi donava. Riprenderò.
    Ciao, a presto.

    Mi piace

  4. …in realtà non ci sarebbe bisogno di sentirsi amati….basterebbe amarsi…che è la cosa più difficile….almeno secondo me….
    abbiamo tutto in noi…anche il potere di guarirci basterebbe avere più fiducia in noi…appunto amarsi e comportarsi di conseguenza 😉

    quando lessi quel libro ricordo quanto mi colpì la semplicità della cosa…..
    perchè tutto ciò che è vero…è semplice…..
    nella mia vita ho vissuto tutto ciò…in maniera diversa…diciamo occidentale….
    ma ricordo lo stupore di trovare tutto ciò in veste sciamanica e sulle ande…..
    la vita è uguale ovunque…i mezzi si trovano ovunque,….anche le sciamane…basta predisporre noi stessi all’apertura di tutto ciò di cui necessitiamo….e molto sovente è poi solo…in noi stessi ;))

    abbraccione angelo…..sono molto felice che tu sia in ripresa……
    con molto affetto…..emma

    Mi piace

  5. Sono proprio contenta che tu abbia trovato “un aiuto” per cercare di guarire da uno stato di malessere e sono d’accordo quando dici che abbiamo bisogno di sentirci amati. Hai incontrato una persona valida che sostituisce alla grande il medico di base che spesso non riesce ad esserti di nessun aiuto anzi a volte si ha l’impressione di scocciare.

    Mi piace

  6. queste persone mi affascinano tantissimo, per non parlare delle culture orientali… se tante persone traggono giovamento da questi ed altri rimedi “non convenzionali” ci dev’essere del buono, per forza!
    sarei tentata di provare…

    Mi piace

  7. Ciao angelo …
    ho letto anche io qst libro …
    una volta anni fa e mi paicque molto ..
    l’ho riletto la scorsa estate e mi ha
    deluso molto … le curandere cmq
    sono spesso “migliori” ei medici …
    vuoi per un sapere molto antico …
    vuoi per il loro modo di accogliere le persone …
    un abbraccio .. e dole notte …

    elisa

    Mi piace

  8. cucù..mi son sottoscritta!
    Si sa le donne son curiose..e allora mi son detta ” vo a vedè!”
    Ma che bell’aria…particolare…mi piace..
    uno stile un modo bello allegro e pieno di spunti…come questo libro…
    brava!
    vento
    Le poesie della tua amica son davvero belle.
    da rileggere perchè “piene!”

    Mi piace

  9. sì, in effetti ci sono momenti di squilibri psicofisici in cui l’energia sembra precipitare a picco e una summa di malesseri fastidiosi si impossessa del nostro essere corpo e spirito.

    alcune persone più che altre hanno attitudine a comprendere e curare, e la medicina olistica è un credo fondamentale (anche scintificamente dimostrabile) su cui imperniere inteerventi mirati alla nostra sanità.

    ho studiato per qualche anno naturopatia e tuttora assemblo fiori di back ed erbe, i risultati sono sempre visibili, purhcè si riesca ad identificare il giusto elemento di cui si ha bisogno.

    del resto ci sono certi medici ufficili che in quanto a conoscenze hanno carenze alle quali suppliscono con dosi massicce di inutili medicine chimiche

    un abbraccio

    Mi piace

  10. ciao anche in questo siamo sulla stessa onda, lo sai che io mi curo con i massaggi shatsu…è bello ritrovarsi anche sintonizzati sull’amore..sì bisogna amarsi anche tanto se vuoi dare anche agli altri amore..un forte abbraccio

    Mi piace

  11. Questa musica e le tue parole invitano a questa lettura interessante!
    Decisamente contagi copn il tuo amore per i libri…. anche perchè scegli da grande!
    Bellissimo post Harielle!
    Un bacione.
    Oggi è San Giuseppe, festa dei papà e gli auguri volano per loro e per tutti i Giuseppe e Giuseppina.
    Un abbraccio anche al tuo papà!
    Il mio purtroppo non c’è più…. ma lo festeggio lo stesso….. e le parole che gli dedico forse son uguali a quelle che direbbe qualsiasi figlio o figlia al suo papà.
    http://iomilu.wordpress.com/2011/03/19/mio-padre-auguri-a-tutti-i-papa-e-vi-racconto-ancora-della-casetta-in-canada/
    Buona festività…. e buona Primavera in arrivo!
    Io continuo con la mia casetta da ristrutturare….. che faticaccia!
    Un superabbraccio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...