Esami esami esami…

E’  tempo di esami. Da diversi anni seguo la maturità dei miei studenti,

e ogni anno mi emoziono a questo appuntamento che coincide con la fine

dell’adolescenza spensierata e l’inizio della vita adulta.

Penso a quella ragazzina che ero un tempo: peccato essere arrivata all’esame di Stato con così tanta emozione

e un pizzico di sventatezza, da non riuscire a godermi il momento.

Una sessione di esami di Stato quest’anno diversa dalle altre per me, perché coincide anche con gli esami di mia figlia Ali, studentessa di liceo classico.

I miei studenti di quest’anno sono 19, una classe  allegra e scanzonata di liceo economico,più amante del calcio, dei reality show e della musica che dello studio, ma al momento opportuno capace di dimostrare interesse e discreto genio.

Per chi non lo sapesse, gli esami di Stato prevedono che i maturandi debbano sostenere 3 prove scritte e una orale. Tre materie sono assegnate a commissari esterni, tre materie sono invece attribuite ai membri interni. Io per esempio, sono membro interno di diritto e scienza delle finanze insieme alle mie colleghe di italiano e storia e a quella di inglese.

L’incontro con la commissione  inizia a partire dal  lunedì, quest’anno il  20 giugno, a porte chiuse, cioè senza gli studenti, per i primi adempimenti di ordine burocratico. I primi due giorni senza gli studenti servono anche ai 3 membri interni a prendere le misure per capire che tipo di membri esterni e presidente di commissione  ci sono capitati.

L’impressione non è malaccio, solo che si tratta di commissari del genere “professionista sempre impegnato”, un po’ supponenti, vogliono sempre l’ultima parola, non consentono sempre di interloquire ai membri interni, che considerano inappellabilmente  imbroglioni e collusi con gli studenti. Il presidente è invece un’ottima persona, sebbene un po’ smarrito di fronte a cotanta tracotanza dei suoi commissari. Decidiamo di mediare con pazienza e nello stesso tempo fermezza, ed intanto già si svolgono le prove scritte.

La correzione degli scritti prende 3 giorni, per le tre prove. I risultati non sono sempre quelli che avremmo, come prof, sperato: molti ragazzi, scegliendo il saggio breve sull’alimentazione, hanno scritto banali vademecum alla Rosanna Lambertucci,  genere: non mangiate troppi dolci, che vi viene la cellulite…(grrrr, non mi ci fate pensare!!!!). La seconda prova di informatica risulta difficile e nessuno prende il sospirato 15, voto massimo agli scritti. La terza prova, come sempre, meglio non parlarne (scusate l’anacoluto)

Tra qualche discussione e molte aperture diplomatiche nei due fronti contrapposti (interni contro esterni come Orazi contro Curiazi), si giunge al primo giorno di esami orali. Sono di turno due ragazzi  che lo scorso anno non sono stati ammessi e che invece quest’anno hanno fatto uno sforzo per sostenere un esame semplice ma essenziale.

Poi tocca alla diva di classe, trucco perfetto e aria distaccata, che ostenta palese disdegno per le domande poste dai commissari,  che sciorina un po’ di sciocchezze (alcune chicche: Patto Gentile anzichè Gentiloni, il “famigerato” poeta (anzichè dire famoso), D’Annunzio che si perde nel pineto…) e che,  quasi fosse ipotesi di lesa maestà,  alla domanda “C’è qualche argomento che le è piaciuto maggiormente, signorina?” risponde con sufficienza : “Proprio no!”, lasciando l’anziano professore sconcertato e noi sue prof con un palmo di naso.

Fortunatamente la giornata di oggi si chiude con la ricerca di uno studente, supportata da presentazione multimediale, dedicata al ’68 e alle trasformazioni della società verificatesi da allora fino agli anni ’90. E’ commovente seguire l’entusiasmo di Ale, che sciorina fatti, circostanze, avvenimenti, come fossero una scoperta, e per lui in effetti lo sono.

” La battaglia di Valle Giulia…lì dove aveva sede la facoltà di Architettura”  E noi: “E c’è ancora” E Ale, candidamente: “Ah, si? ancora?” , come se parlasse della preistoria. Eccoci lì a seguire un percorso che ci fa ripensare al nostro passato. L’entusiasmo di Ale contagia tutti e alla fine il ragazzo viene premiato con il massimo per il colloquio e un bel voto.

Ecco il resoconto di questa giornata, me ne attendono altre 4…avrete la pazienza di seguirmi?

ps: chi ha gradito il post precedente su Tiziana Rinaldi e i suoi quadri, può leggervi il commento che la stessa Tiziana ha postato sul blog: che bella sorpresa e che gioia! 🙂

un bacione a tutti da Harielle

Annunci

8 thoughts on “Esami esami esami…

  1. Quanti meravigliosi ricordi…che periodo di gioia speranza illusioni…si’capisco la tua emozione che si rinnova e …la stanchezza!!!dai che ce la fai in bocca al lupo per la tua bimba!!!!

    Mi piace

    1. è stato il periodo più bello della mia vita. Certo che ti seguo a tutti i ragazzi lascio un in bocca al lupo naturalmente anche a tua figlia. Ancora un’ultimo sforzo poi vacanze ciao dolcissima insegnante

      Mi piace

  2. Ciao Zietta!!!
    Mamma mia…. me lo ricordo come se fosse ieri il mio esame di maturità (non che sia passato molto tempo…. però….)…. ho un ricordo contrastante di quei giorni…
    da una parte i professori (non tutti, ma la maggior parte) che non ci pensano due volte a rendermi la vita impossibile nonostante il momento che stavo passando (sai a cosa mi riferisco…) e dall’altra la gioia di chiudere un capitolo molto infelice della mia vita e di iniziarne un altro dove io, solo io sarei stata padrona delle mie scelte….
    Sorrido al commento “Proprio no…”… ad una certa professoressa avrei voluto rispondere così anch’io…. :-p
    Certo che avrò la pazienza di seguirti…. sei la mia Zietta!!! 🙂
    Ti abbraccio forte forte….

    Mi piace

  3. Io non posso parlare dei miei esami di maturità in quanto ……….non li ho mai sostenuti, mi sono fermato a quelli di terza media inferiore.
    In compenso ho vissuto quelli di mio figlio maggiore, e ora sto vivendo quelli del secondogenito….. sicuramente rappresentano quasi uno spartiacque tra due momenti importantissimi dell’esistenza, un traguardo da varcare per immettersi in quel campo della vita dove i problemi e le respinsabilità diventano più pressanti.
    Faccio a tutti gli studenti alle prese con la maturità un grossissimo in bocca al lupo, sia per gli esami che per la vita, penso, senza voler essere pessimisti, che ne abbiano davvero bisogno.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

    Mi piace

  4. Oddio angelo che nostalgia di qll’estate ..delle notti passate a studiare e cazzeggiare dell’ansia prima di sedermi davanti alla commissione e partire con un sermone sulla scuola attiva finche il presidente di commissione mi disse ..benissimo signorina puo’ andare :-)))) secondo me nn ne poteva piu’ ..rido …
    Bei tempi … tutto ancora da scoprire ….
    e .. alla diva avrei dato un calcione … ma nn si puo’ vero? ..rido …
    ti abbraccio …

    elisa

    Mi piace

  5. Bei tempi!!!! Anche se ho rischiato parecchio per mettermi a contrasto con una commissaria per una domanda su Dante…..lei sbagliava e io non volevo dargliela vinta e così mi sono beccata un 6 per intercessione degli altri professori proprio nella mia materia preferita!

    Mi piace

  6. Mi piace un sacco questa cosa, che ne scrivi con obiettività e non ti lasci intenerire dal fatto che quelli erano tuoi studenti. Tua figlia ha già sostenuto l’orale? In bocca al lupo! Ricordo il mio esame, anche io non me lo sono goduto per via dell’eccessiva preoccupazione. Una volta finito mi ha preso una crisi di pianto, pensa! Ma che liberazione! Ti prego, scrivi ancora di questi giorni, mi fai tornare in mente un sacco di cose… (sospiro)
    Un megabacio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...