Basilicata on my mind

“Che ne sai, l’hai vista mai,

Basilicata in my mind” 

Così recita la canzone interpretata da Rocco Papaleo nell’indimenticabile film “Basilicata coast to coast”, che ho visto qualche anno fa senza aver mai, però,  visitato la regione a cui si riferisce. Così, quando la scorsa settimana la mia preside mi ha proposto come accompagnatrice per una visita culturale didattica, nonostante una caviglia infortunata,  da poco rimessasi a posto, ho subito accettato con entusiasmo. Tre viaggi d’istruzione (Emilia, Madrid, Basilicata)  in un anno solare è una cifra che farebbe impallidire qualunque insegnante, ma il vostro angelo ama le sfide e l’elemento mercuriale che la caratterizza dall’essere di segno zodiacale Gemelli la porta evidentemente ad essere sempre con la valigia pronta e gli occhi disposti a riempirsi di nuove meraviglie.

Questa volta si trattava di un viaggio organizzato dalla scuola per valorizzare le eccellenze, cioè le studentesse e gli studenti che nello scorso anno hanno riportato delle medie nei voti tra 8 e 10, e che si sono distinti nell’apprendimento cooperativo, cioè aver aiutato i propri compagni nello studio e nella vita scolastica. Il mio istituto si è gemellato con il liceo di Tricarico, Matera, terra natale del grande poeta Rocco Scotellaro, e da lì è nata l’idea di andare a visitare la Lucania e il centro culturale Scotellaro di Tricarico.

Passata la Campania, viene subito da pensare a Carlo Levi e al suo “Cristo si è fermato ad Eboli”. La natura si veste di un verde più brillante e alle pianure succedono delle gole di una bellezza mozzafiato. I piccoli paesi sono molto distanti tra loro, ognuno celando bellezze nascoste e posti ricchi di cultura. Il primo giorno visitiamo l’abbazia  benedettina di Montescaglioso, con una sala biblioteca affrescata con simboli alchemici e ancora non del tutto decifrati dagli studiosi di oggi e piena di angeli, tra tutti l’arcangelo Michele, con piuma e bilancia in ciascuna mano (rifletto e stupisco la nostra guida che nella religione egizia anche la dea Maat viene raffigurata con gli stessi identici simboli, intenta a pesare l’anima dei defunti prima di ammetterli all’aldilà)

Il secondo giorno la visita è interamente dedicata a Tricarico, con la sua torre normanna, i suoi musei di arte preromana e le bellezze naturali. In sala consiliare incontriamo il sindaco e delle delegazioni di studenti ed insegnanti delle scuole del paese, entusiasti di conoscere i loro coetanei “romani”, e ci sentiamo travolti dall’entusiasmo e dalla cordialità della gente del luogo. Le vecchiette si affacciano alla porta delle loro case e ci augurano il benvenuto, i ragazzi aspettano i nostri studenti per parlarsi in piazzetta, e la giornata trascorre piacevolmente, con il clou della visita al centro “Scotellaro” in cui si leggono poesie e si narra la vita di questo poeta, cantore del mondo contadino e della sua dignità, morto a 30 anni appena.

Il terzo giorno, lasciata Tricarico con abbracci e promesse di ritrovarci, siamo andati a Matera, a visitare il centro storico e i Sassi. Una giornata di vento e pioggia che resterà nella memoria, la fatica di salire su, su in alto valeva la pena, per ammirare il panorama mozzafiato di questo bellissimo sito, patrimonio Unesco dell’umanità! E, lasciata Matera, si torna a casa, i pargoli in silenzio a seguire il film “Basilicata coast to coast”,  per  tutti  Lucania in our minds…

Un abbraccio a tutti da Harielle

Annunci

18 thoughts on “Basilicata on my mind

  1. Sicuramente le gite scolastiche sono un bel compito da affrontare, ma tu hai fatto tre gite stupende e mi sembra che i tuoi ragazzi si comportino bene….. merito certo di chi sa interessarli sul serio a quello che stanno vivendo.
    Mi piacciono tantissimo le poesie di Scotellaro, devono essere ancora più belle dopo aver “respirato” l’aria dei suoi luoghi e aver visto le bellezze che racconta…. 🙂

    Mi piace

  2. L’immenso granaio della prima foto dopo il video, ho avuto modo di vederlo passare dal brullo della terra arata al verde di maggio al nero di agosto (quando le stoppie vengono bruciate per farne cenere fertilizzante). Avevo qualche anno di meno (1978), e ogni volta che il pullman percorreva quelle strade (ero a militare) ripassavo la “canzone dei dodici mesi” di Guccini.
    Che ricordi può risvegliare un post. 🙂

    Mi piace

  3. La nostra Italia è meravigliosa, ovunque si vada ci sono posti pieni di bellezzr sia culturali che naturrali, un vero tesoro da scoprire e certo la basilicata non è da meno.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

    Mi piace

  4. Mah… chissà perchè scelgono sempre te per accompagnare i ragazzi in gita!!!! Secondo me riesci ad interessarli per quel modo tutto tuo, particolare,che hai di raccontare….di vedere,di scoprire l’anima dei luoghi in cui vai. Ciao Harielle.

    Mi piace

  5. Mi hanno parlato benissimo della Basilicata. Come di una regione tutta da scoprire sia per bellezze paesaggistiche che culturali, unitamente ad un mare limpido e che non conosce ressa e folla. Spero un giorno di poterci almeno passare 🙂

    Mi piace

  6. Un passaggio veloce per rinnovare la nostra amicizia e per augurarti una felice settimana.
    Molto belle le immagini, credo che l’Italia abbia terre bellissime e ineguagliabili, peccato che noi Italiani a volte la trattiamo male e la disprezziamo.
    ciao
    Ross

    Mi piace

  7. Ciao Rosy sei sempre in giro mica và tanto bene sai ? ah ah
    il film l’ ho visto l’ altra sera su sky molto bello la basilicata la conosco poco tranne Matera bellissima un emozione vederla. Ciao Prof un bacio Buonanotte

    Mi piace

  8. Buongiorno Harielle, dopo tanto tempo mi sforzo di passare da te, non so perché non trovo tanto piacere a stare davanti al PC, comunque di abbraccio con sincera amicizia Rebecca
    Ps: devi avere un po’ di pazienza con me 🙂

    Mi piace

  9. Harielle!!! Ti ricordi di me? Marghian!!!! Ho scritto qualcosa nel post..nei posts di Ross, un commento sui segni zodiacali-in verita’ due o tre!!!- ed uno su “2012..la fine del mondo?”. Se ti va di leggerli. Da Ross. E tu..come stai? Io bene.

    Ma questa e’..Amalia Rodriguez? Che bella!!! 🙂 Ciao Harielle. Ti aspetto ma soprattutto…qui:

    marghemarg.wordpress. com/ Okay? Ciao!

    Marghian

    Mi piace

  10. Mi hai fatto commuovere…
    La Basilicata è nel mio cuore, in tutti i sensi.
    Ho origini lucane e vado in un paesino chiamato Miglionico (in provincia di Matera) tutte le estati… Vivo al nord, ma nelle mie vene scorre sangue lucano.
    Inoltre, giù in Basilicata risiede la persona di cui sono innamorata… anche se è una storia lunga…

    Grazie per questo bel post!
    Per me è sempre meraviglioso sentire parlare di questa terra troppo spesso dimenticata!

    Un bacione
    e tanto piacere di conoscerti!

    Paola

    Mi piace

  11. Guten Tag,wünsche dir einen schönen Sonntag,danke das du meinen Blog Besucht hast,habe da eine Frage wo liegt Tricarico und der normannischer Turm und das Zentrum Scotellaro welcher Teil Italien ist das das würde ich mich sehr Interresieren,ich war in Urlaub in Alba ADRIATIKA UND ES WAR IMMER EIN BESONDERES ERLEBNISS.Würde mich sehr darüber freuen.Viele liebe Grüsse Klaus.

    Habe noch einen 2Blog . http://banane11myblog.wordpress.com

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...