Ti regalo una poesia

L’anno scolastico volge quasi al termine, nel senso che i programmi sono quasi del tutto terminati e soprattutto per gli studenti dell’ultimo anno le apprensioni relative ai voti e alla media vengono sostituite con la paura dell’esame di maturità, la “linea d’ombra” che li separa dal mondo ovattato dell’adolescenza a quello di giovani adulti che, università o lavoro, dovranno prendersi le proprie responsabilità.

E’ d’uso dalle mie parti che gli alunni organizzino un pranzo con i professori dell’ultimo anno, ed anche la mia quinta A non si è tirata indietro. E’ d’uso anche i i prof ricambino l’invito non solo contribuendo all’organizzazione del rinfresco portando qualcosa preparato da loro, ma che diano ai ragazzi un petit cadeau come ricordo degli anni di scuola. Quest’anno ci siamo scervellati per trovare qualcosa di originale, e abbiamo sdoppiato il regalino: un braccialetto o un portachiavi ( la collega Letizia si è incaricata della scelta) mentre il vostro angelo ha trovato una poesia che caratterizzasse ciascuno dei nostri 18 studenti, 11 ragazze e 7 ragazzi.

Se qualcuno di noi prof avesse avuto il dubbio che  i ragazzi  di oggi non apprezzino la poesia, è stato subito smentito dall’emozione sul viso dei nostri alunni, quando, a fine pranzo, abbiamo consegnato a ciascuno di loro il suo braccialetto e il biglietto con la poesia, con la preghiera di leggerla in pubblico. Lacrime di commozione che non mi sarei mai aspettata sono spuntate  sui visi spesso giocosi e apparentemente irridenti delle regole dei giovani , seguiti da ringraziamenti emozionati . Una bella soddisfazione, di cui vi darò qualche esempio, se avete ancora pazienza di leggermi.

A Laura, ragazza introversa e riservata, ho dedicato il sonetto 18 di Shakespeare:

Dovrò paragonarti ad un giorno estivo?

 Tu sei più amabile e temperato:

 cari bocci scossi da vento eversivo

 e il nolo estivo presto è consumato.

 L’occhio del cielo è spesso troppo caldo

 e la sua faccia sovente s’oscura,

 e il Bello al Bello non è sempre saldo,

 per caso o per corso della natura.

 Ma la tua eterna Estate mai svanirà,

 né perderai la Bellezza ch’ora hai,

 Finché uomo respira o con occhio vedrà,

 fin lì vive Poesia che vita a te dà.

Ad Alexandra, studentessa di origine romena, è stata dedicata la prima strofa del poema in versi “Luceafarul” di Mihail Eminescu, il  poeta nazionale:

A fost odata ca-n povesti

A fost ca niciodata,

Din rude mari împaratesti,

O prea frumoasa fata. 

Si era una la parinti

Si mândra-n toate cele,

Cum e Fecioara între sfinti

Si luna între stele.

C’era una volta come mai,
Così narran le fiabe,
Una fanciulla senza pari,
Di gran ceppo regale.

Ed era unica ai parenti,
Stupenda fra le belle,
Com’è la Vergine fra i santi,
La luna fra le stelle.

A  Matteo, innamorato della recente uscita a Madrid, dei versi di Garcia Lorca, che gli assomigliano:

Ci sono anime che hanno

stelle azzurre,

mattini secchi

tra foglie del tempo,

e angoli casti

che conservano un vecchio

rumore di nostalgia

e di sogni. 

A G. Maria, il più bravo della classe, la poesia che è piaciuta di più ai colleghi:

Ti auguro tempo per toccare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.

Ti auguro tempo per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.
Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno , ogni tua ora come un dono.

Ti auguro tempo anche per perdonare.

Ti auguro di avere tempo,
tempo per la vita.

Elli Michler

Per  Andrea, il simpatizzante naziskin della classe, supporter di Casa Pound, una poesia di Ezra Pound per dimostrargli che : 1. Ezra Pound è il nome di un uomo e non di una donna come pensava; 2. che il poeta statunitense era un visionario, la cui ideologia solo in parte poteva essere compresa nella simpatia per il nazifascismo; 3. che scriveva anche poesie dolcissime, come questa, L’Albero:

L’albero m’è penetrato nelle mani,
La sua linfa m’è ascesa nelle braccia,
L’albero m’è cresciuto nel seno –
Profondo,
I rami spuntano da me come braccia.
Sei albero,
Sei muschio,
Sei violette trascorse dal vento –
Creatura – alta tanto – tu sei,
E tutto questo è follia al mondo.

Non vi proporrò tutte le 18 poesie, ma per ultimo cito un brano dedicato a Manuel, il visionario della classe,  bravo programmatore e futuro ragioniere, praticante buddista che vuole diventare psicologo. E’ parte del discorso di Steve Jobs ad Harvard e sono certa che gli darà la carica giusta per il futuro percorso che vuole intraprendere. 

A tutti i folli. 
I solitari. 
I ribelli. 

Quelli che non si adattano. 
Quelli che non ci stanno. 
Quelli che sembrano sempre fuori luogo. 
Quelli che vedono le cose in modo differente. 
Quelli che non si adattano alle regole. E non hanno rispetto per lo status quo. 

Potete essere d’accordo con loro o non essere d’accordo. 
Li potete glorificare o diffamare. 
L’unica cosa che non potete fare è ignorarli. 

Perché cambiano le cose. 
Spingono la razza umana in avanti. 
E mentre qualcuno li considera dei folli, noi li consideriamo dei geni. 

Perché le persone che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo sono coloro che lo cambiano davvero.

STEVE JOBS

E si, una poesia è un ottimo viatico per la vita,emoziona  e rende liberi!

Annunci

15 thoughts on “Ti regalo una poesia

  1. Ciao, Harielle. Mi piace tutto qui, bellezza e poesia, il cuore dei ragazzi e delle ragazze. In essi si sentono le vibrazioni della vita, il sentimento genuino del cuore.

    Lascia che anche io ti lasci una poesia, Harielle.

    VIBRAZIONI

    “Non una foglia che cade
    Ne’ silente respiro di un bimbo che dorme
    Ne’ lacrima di madre
    O lieve sommesso affanno
    E ne’ goccia di rugiada che torna al cielo
    Niente di questo accade
    Senza che l’intero universo abbia un fremito
    Anche per una sola di queste cose
    Il mondo intero vibra”
    (Marghian)

    Ciao, Harielle, ti auguro una serena domenica, a presto.

    Marghian

    Mi piace

  2. i tuoi ragazzi andranno fieri e porteranno per sempre un bellissimo ricordo di te bellissime le poesie che hai scelto sei una grande prof e una dolcissima donna ciao in bocca al lupo ai tuoi studenti

    Mi piace

  3. Sei stata semplicemente……meravigliosa!!!!! Immagino la gioia di ogni alunno/a nel ricevere il tuo dono. Sono sicura che ad ognuno sono arrivate le parole giuste.
    La poesia di Elli Michler e le parole di Steve Jobs ad Harvard mi hanno emozionato tantissimo e le ho trovate adattissime per l’occasione.
    Ciao Rosy carissima.

    Mi piace

  4. Complimenti cara Harielle, bello vedere questo entusiasmo per i propri alunni che si sono impegnati nell’arco dell’anno scolastico. Anch’io ho insegnato per 40/ anni nella scuola, ricevendo grandi soddisfazioni..
    Or mi godo la pensione.
    A te ancora tanto entusiasmo e tanto amore per l’insegnamento.
    Dora

    Mi piace

  5. è che i ragazzi sono delle poesie…..basta leggerli negli occhi…..
    poi diventeranno dei romanzi……
    lasciamoli ancora nel mondo delle poesie…..

    Bellissimo Harielle..
    Ciao
    A.

    Mi piace

  6. dedicare una poesia ad ogni studente, pensando alla personalità di ciascuno, al messaggio intriso…ma che splendida idea! sa di valori veri, sa di affetto, sa di amore. Non lo dimenticheranno mai.
    Complimenti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...