Saggezza indiana

30 Apr

Spesso noi continuiamo a soffrire senza fare uno sforzo per cambiare; ecco perché non troviamo pace durevole e appagamento. Se noi perseverassimo, saremmo certamente capaci di superare tutte le difficoltà.

Dobbiamo fare lo sforzo, perché possiamo passare dalla miseria alla felicità, dallo sconforto al coraggio.

Paramhansa Yogananda

17 Risposte a “Saggezza indiana”

  1. Claudio Guiduccio jedi Spega 1 maggio 2011 a 1:02 AM #

    Mi sa che io soffro di più proprio per il non riuscire a cambiare le cose che mi fanno soffrire !

    "Mi piace"

  2. arthur 1 maggio 2011 a 1:18 AM #

    E dalla redazione di The Best Magazine, grazie per i complimenti e per essere passata da noi.

    Ciao, ti aspettiamo ancora.

    E per per ciò che hai scritto… dico sempre che alle volte basta un sorriso e le cose magari cambiano. 🙂

    "Mi piace"

  3. zebachetti 1 maggio 2011 a 7:48 AM #

    soffrire è uno stato mentale che ci entra nell0 animo logorandoci. attuare il famoso “cambio di marcia” non è facile, qui si denotano i limiti umani. cè da dire che a volte ci piace croggiolarci nel dolore. con affetto ti auguro un buon 1 MAGGGIO nazzareno

    "Mi piace"

  4. Vito M. 1 maggio 2011 a 4:39 PM #

    Ciao, sono convinto che nei momenti tristi molto dipenda dal nostro agire, nel senso che rimanere passivi nella sofferenza non aiuta di certo…..
    Reagire, cercare di modificare favorevolmente le cose, indipendentemente dal fatto che ci si riesca o meno, è l’ideale comportamento, fosse altro per evitare timpianti.
    Ti auguro un buon primo maggio e tanti saluti anche da Vincenza, il nostro incontro, seppur molto breve, lo ricordiamo con molto piacere.
    Con amicizia, Vito

    "Mi piace"

  5. emma 1 maggio 2011 a 4:59 PM #

    ….cambiare?
    vorrei sapere cosa ancora cambiare….ed oggi sono triste…
    ma forse domani passa ….

    ti abbraccio angelo

    "Mi piace"

  6. gabriarte 1 maggio 2011 a 8:08 PM #

    non sò darti una risposta forse a volte la nostra reazione alla sofferenza non è sempre sufficiente a volte serve avere un aiuto accanto, per aiutarci a combattere ed è proprio questa mancanza che fa più soffrire ciao dolcissima donna

    "Mi piace"

  7. solindue 2 maggio 2011 a 10:37 AM #

    A volte l’uomo sembra costruito per non potersi risollevare fino a quando non abbia toccato davvero “il fondo”.
    Solo allora siamo pronti a risalire e a risorridere più forti di prima.
    Un abbraccio.

    "Mi piace"

  8. Gota de Lluvia 2 maggio 2011 a 1:32 PM #

    Eh. Bello. Ma ‘sto Paramhansa Yogananda ha mica detto come si fa? -.-‘

    "Mi piace"

  9. ili6 2 maggio 2011 a 3:24 PM #

    superare tutte le difficoltà…non so, dipende dal tipo di difficoltà; certo che il famoso-volli, fortissimamente volli- può aiutare. sapersi rinnovare, perseverare, modificare, costruire ed inventare, sì, sì…anche se non sempre è così facile.
    un sorriso, ciao

    "Mi piace"

  10. arielisolabella 2 maggio 2011 a 8:25 PM #

    faccio finta di nulla magari i problemi non mi trovano…. 😀

    "Mi piace"

  11. Teresa 3 maggio 2011 a 6:45 PM #

    Verissimo quel che hai scritto…spesso restiamo in apnea…altre volte galleggiando nel nostro soffrire e continuiamo ad annaspare senza riuscire a venire a galla…
    Un abbraccio Harielle e buona serata

    "Mi piace"

  12. Margot 3 maggio 2011 a 8:51 PM #

    che festa qui da te Rosy…
    perseverare comporta pazienza e determinazione, doti che non sono proprie ai più, me compresa, e quindi la felicità resta il miraggio di sempre.

    un abbraccio e una strapazzata a Plinio

    "Mi piace"

  13. semplicementelisa 4 maggio 2011 a 1:01 AM #

    Ci sono posti di cui sento la mancanza quando sto per un po senza andare … e il tuo blog + uno dfi quei posti … e stasera avevo proprio bisogno di queste parole … è tutto in mano a noi …

    “Ognuno è fabbro della sua sconfitta
    E ognuno merita il suo destino
    Chiudi gli occhi e vai in Africa, Celestino!”

    Ri abbraccio forte forte ..dolce notte …

    elisa

    "Mi piace"

  14. lucetta 4 maggio 2011 a 10:06 PM #

    Vero!!! Spesso sembra che ci piaccia soffrire perchè si rimane lì senza reagire e senza far nulla per cambiare le cose.Ciao harielle.

    "Mi piace"

  15. silvianovabellatrix 8 maggio 2011 a 10:09 PM #

    No pain no gain 😉

    "Mi piace"

  16. paperi si nasce 8 maggio 2011 a 10:36 PM #

    Sì, certo… Come no…

    "Mi piace"

  17. dorytea 7 agosto 2011 a 6:28 PM #

    Interessante, colorato e rilassante il tuo spazio, verrò più spesso ad arricchirmi, negli spazi di tempo ovviamente….
    E meno male che con la globalizzazione le varie saggezze vanno espandendosi, augurandoci un senso di misura e lo “sforzo” senza il quale ci si fossilizza-
    Ti abbraccio stretta

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: